DKC7107, l‘ibrido per produrre tanta massa di qualità. 22-nov-2022

 

Perché scegliere DKC7107, l’ibrido per produrre tanta massa, di qualità?

Tanta massa di qualità per il nuovo ibrido di classe FAO 700, l’ibrido di primo raccolto indirizzato alla produzione di Trinciato e Pastone integrale.

 

DKC7107 è l’ibrido ideale per l’agricoltore che ricerca un’elevata produzione sul tal quale, coniugata all’energia dell’amido.

 

L’ibrido presenta una pianta possente con stocco e radici adeguate alla sua taglia e si avvantaggia di un ottimo stay green, garantendo all’agricoltore un’ampia finestra di trinciatura, e pertanto un lasso temporale più lungo rispetto ai migliori ibridi del mercato, con la garanzia di insilare una fibra e un amido altamente digeribili grazie alla granella farinosa.

 

DKC7107 ha una granella profonda, di dimensione notevole e tutolo importante, che ne consente l’uso come pastone integrale. Inoltre, l’elevata sanità della granella, per la quale è stata prestata notevole attenzione in tutte le fasi del processo di selezione, ne completa il profilo.

 

Ma vediamo ora qualche dato.

 

PRODUZIONE DI TAL QUALE (qli/ha)

 

56 campi prove interne Bayer 2020-21-22 in primo raccolto

 

A livello produttivo vediamo un + 69.5 qli/ha a favore di DKC7107 rispetto alla media di campo che contiene i migliori ibridi da trinciato di classe 600-700, con una Sostanza Secca media di DKC7107 alla raccolta di 31.75%.

 

NDF UTILE (qli/ha) A DIFFERENTI STADI DI MATURAZIONE

 

NDF Utile/ha di DKC7107 in una ventina di situazioni a pieno campo della Pianura Padana, seminate in primo raccolto nel 2020, in cui la precessione colturale è stata il mais e la concimazione di fondo è stata effettuata con liquame zootecnico In collaborazione con UNICATT.

 

La digeribilità della fibra (NDF) è un parametro molto variabile, che con l’avanzare della maturazione tende solitamente a diminuire. L’ibrido DKC7107 mantiene ottimi valori di NDF Utile/ha anche a maturità differenti in campo, passando da un 1/3 linea del latte (momento di raccolta più precoce) a 2/3 linea del latte (momento di raccolta più tardivo).

 

AMIDO UTILE (qli/ha) A DIFFERENTI STADI DI MATURAZIONE

 

Amido Utile/ha di DKC7107 in una ventina di situazioni a pieno campo della Pianura Padana, seminate in primo raccolto nel 2020, in cui la precessione colturale è stata il mais e la concimazione di fondo è stata effettuata con liquame zootecnico. In collaborazione con UNICATT.

 

Pur essendo la variabilità molto elevata in campo, dal grafico si evince una tendenza evidente: l’ibrido DKC7107 in esame tende ad aumentare i valori di Amido Utile/ha passando da un 1/3 linea del latte (momento di raccolta più precoce) a 2/3 linea del latte (momento di raccolta più tardivo). Questo parametro, coniugato alla costanza dell’NDF, fa dell’ibrido una delle migliori soluzioni in ambito zootecnico.

 

Dagli elementi analizzati in questa descrizione possiamo ben capire come DKC7107 rappresenti la miglior combinazione dei parametri chiave per un insilato ad elevato valore aggiunto.
L’equilibrio di un’elevata produzione sul tal quale, una fibra digeribile costante, un elevato accumulo di amido nella spiga ci permette di classificare DKC7107 come ibrido Silo Extra.
Silo Extra rappresenta la garanzia Dekalb nell’avere la massima resa per ettaro in produzione di latte o biogas.

 

DKC7107 non si limita ad essere solo Silo Extra, ma rientra anche nella garanzia Dekalb Field Shield. Perché Field Shield?

 

Gli ibridi Field Shield sono genetiche avanzate che uniscono un’elevata tolleranza ai fattori di stress biotici e abiotici a una resa potenziale superiore.
Questi ibridi vengono valutati in tutti gli areali italiani, individuando i rischi maggiori di ogni area - come ad esempio allettamento, Fusarium su spiga, Piralide, Stress Idrico e Aspergillus, Elmintosporiosi, etc. - individuando la miglior tolleranza.

 

Dai rilievi effettuati dai nostri tecnici sul territorio nei nostri campi sperimentali, si rileva per l’ibrido DKC7107 un’assenza di sintomi di attacco da parte di Fusarium spp per l’80% dei casi dei 38 campi analizzati nel triennio 2020/2022.

 

Andando ora ad esaminare nel dettaglio solo le situazioni dei tre anni dove il patogeno era presente in campo ed era visibile almeno su uno dei due ibridi a confronto (14 situazioni totali), DKC7107 aveva un’incidenza del Fusarium di circa il 9.5% mentre l’ibrido di confronto manifestava un’incidenza del 25%, ciò significa che ogni 100 spighe esaminate ben 25 manifestavano il patogeno. (Grafico a seguire).

 

 

I rilievi nella selezione degli ibridi FieldShield non si limitano solamente ad evidenziare la presenza o meno di un patogeno, ma ne determinano anche la gravità dell’attacco in base all’effetto che questo avrà in termini di qualità e quantità sulla produzione.
Focalizzandoci sui 14 appezzamenti in cui DKC7107 e/o il competitor di riferimento manifestano sintomi di attacco, dal grafico a seguire si nota come l’ibrido Dekalb abbia un’incidenza significativamente maggiore di spighe non colpite (43% vs 14%), un’incidenza sensibilmente minore di spighe leggermente colpite (50% vs 57%) e ancora una volta una percentuale di spighe mediamente colpite significativamente inferiore (7% vs 29%).

 

 

 

Scopri di più su DKC7107 >>

 

Approfondisci i vantaggi di DKC7107 con l’articolo tecnico dell’Informatore Zootecnico - 2/2021 >>